Mapperò

NON SI DICE

Categoria: Poesia

Gioventù Bruciata

Voglio sta’ con chi nun c’ha programmi,
con chi nun li mette nel conto i danni.

Con chi se ne frega de di’ “famo i seri”,
con chi passati gli anni, la pensa come ieri.

Con chi non je importa de avecce torto o ragione,
ma preferisce na risata,
pur passando da coglione.

Con chi nun rinnega l’incoscienza della gioventù,
e mentre cambia la sua età,
la considera ancora la più bella virtù.

Con quelli che seppur metteranno la testa a posto,
non se dimenticheranno mai,
de quanto è stato bello vive opposto.

Con quelli che già na volta hanno spiegato l’andazzo,
e de rispiegallo ‘n’altra volta,
non je ne frega…niente.

 

amici-miei-t019

 

A trema’ so boni tutti

Perché poi c’è la paura,
che fa move le cose.
E non c’è cosa più dura,
delle spine delle rose.

Poi arriva il timore,
de non riuscì a trova’ la svolta.
Inizia a trema’ er core,
pensi de ave’ sbagliato ‘n’altra volta.

Iniziano a trema’ le mani,
e a mancatte le parole.
E i tentativi vani,
so nuvole che coprono er sole.

Inizi a da ragione,
a chi ha già abbandonato.
Te senti pure coglione,
de avecce solo provato.

Ma de colpo all’improvviso,
quando meno te l’aspetti,
te ritrovi faccia a faccia col sorriso
e con le promesse che v’eravate detti.

Perché quando sbatti addosso a ‘n muro,
e capisci quanto tosta c’hai la testa,
più er cammino sarà duro
e più sarà bella la festa.

walking_alone_on_long_road-other-e1354323283368

Insegnate ai bambini

Insegnate ai bambini a di’ cose sincere,

insegnate la bellezza de di’ cose vere.

Non li riempite di false morali,

quelle lasciatele vanitose sui vostri giornali.

 

Rendeteli liberi dall’ipocrita convinzione,

de chi li vuole educati,

senza conosce’ l’educazione.

 

Spiegate loro l’importanza della follia,

e che la strada giusta,

non è sempre la retta via.

 

Fateje capi’ che er primo peccato,

è porta’ avanti ‘na vita,

in cui non s’è mai sbagliato.

 

E ricordateje che nun conta avecce sempre ragione,

a volte è meglio sta’ in torto,

ma vive n’emozione.

 

E dopo che j’avete spiegato, come funziona la vita,

diteje che quando tutto va storto,

basta ‘n sorriso pe’ di’ che nun è finita.

 

immagini-damore-bambino-che-da-i-fiori-alla-sua-fidanzata

Provo

Provo tutti i giorni ad essere deciso,

provo tutti i giorni a svegliarmi con il sorriso.

Provo e riprovo a far le cose in fretta,

affinché non mi sia detto un’altra volta aspetta.

 

Provo speranze e intuizioni figlie della follia,

quel colpo da maestro che mi riesca a portar via.

Provo ad essere sincero e generoso con la gente,

rifiutando l’occhio per occhio e il dente per dente.

 

Provo ad offrire  slanci ed incoraggiamenti vari,

affinché siano esperienza i momenti più amari.

Provo a cambiare una cosa che non va,

e se proprio non mi piace, cambio la realtà.

nuoveprospettive

Cristian e Stefano

Cammino pe’ quel viale co’ gli occhi de chi sogna la gloria,

ogni domenica mano nella mano,

sull’altra ‘na bandiera da sventola’ pe’ la storia.

 

Ce cammino orgoglioso anche se a volte se fatica,

stessa maglia, stessa fede,

era questo il sogno de ‘na vita.

 

La prima volta che lo portai fu ‘na gioia inaspettata,

sto ragazzo, sto fjio mio,

mammamia quanto l’ha amata.

 

Poi in un triste martedi tutto quanto s’e fermato,

e le bandiere cosi belle,

so ‘n ricordo del passato.

 

Mo la seguo da lontano,

ed era quello che temevo,

ma sempre mano nella mano,

all’orecchio m’ha detto  “sei il papa’ che io volevo”.

 

Cristian e Stefano, Riposate in Pace!

963929_10200312855957069_1212282371_o

Inizi

Non esiste il momento ideale pe’ inizia’,

hai mai visto na roulette,

in cui incassi prima de punta’.

 

Hai mai visto un calciatore,

esulta’ prima d’aver segnato.

O un poeta scrive na poesia,

prima de esse innamorato.

 

Hai mai visto un cantante,

pia na standing-ovation restando muto.

Oppure un arcobaleno,

prima ancora che abbia piovuto.

 

Hai mai detto grazie,

prima de riceve un complimento.

Sei mai stato felice,

prima ancora de esse contento.

 

Perciò nun perdete d’animo,

e nun te fa spaventa’.

Qualsiasi cosa vuoi raggiunge,

é sempre oggi il giorno bono pe’ inizia’.

nuovo-inizio-5

Aridatece li miti

Aridatece li miti, aridatece chi spera,
chi nel mucchio in ritirata,
alza ‘n cielo ‘na bandiera.

Aridatece chi è contento de anda’ controcorrente,
chi prosegue il suo cammino,
senza sta’ ad ascolta’ la gente.

Aridatece chi canta, fregandosene de stona’,
chi pure a musica spenta,
resta in pista a balla’.

Aridatece chi crede, chi nun te permette de molla’,
chi te guarda dentro agli occhi,
e te dice se può fa’.

Papa: cancellato per decoro ambientale murales "supereroe"

 

 

Opportunità di Fede

Si pe’ grazia de Dio t’arriva un’opportunità,

nun te permette mai de dije lassame sta’.

Prendi ciò che t’arriva in fretta,

che può esse già passato er treno, quando j’hai detto “aspetta”.

 

Nun guardà alle difficoltà,

e nun fatte intimorì dalla paura.

È proprio quando nulla se sa,

che la gioia della sorpresa resta pura.

 

Vivi con entusiasmo l’iniziativa,

e nun rifugiatte nella sicurezza dell’abbandonare.

Perché pure se non vedi ancora la riva,

sta’ sicuro che laggiù c’è il mare.

 

Perciò getta con Fede i semi e aspetta che facciano i frutti,

che sia difficile fa’ nasce ‘n fiore dall’asfalto, lo sanno tutti.

 

Immagine

Malelingue

So tutti boni a punta’ er dito e a spiegavve la questione,

so tutti svelti col miglior vestito, a piasse la ragione.

Tutti bravi a dì “ao aspetta”, nun se può così anda’ avanti,

tutti co’ sta grande fretta, de dimostra de esse dei santi.

 

Che poi è strano ciò che accade in certe situazioni,

dove so i meno informati che danno le lezioni.

 

Er politico corrotto, che invoca la legalità,

er giornalista ammaestrato, che chiede la verità.

Il pauroso che de botto, pia coraggio e spara a zero,

il saccente annoiato, che già sapeva tutto il vero.

 

Ma c’è ‘na cosa che ve sfugge e che dovreste ricorda’,

se punti er dito con superbia, le altre tre dita, già te stanno ad indica’.

 

Chi è senza peccato scagli la pietra

Buio e Luce

Nun è sempre facile avecce er sorriso,

esse spensierato e allegro sul viso.

Nun è poi normale nun avecce ‘n pensiero,

preferì esse maschera e rinuncia’ a esse sincero.

 

Ce stanno momenti in cui c’è bisogno di stare,

dietro le fila e lascia’ er monno fare.

Ce stanno periodi in cui osservi il futuro,

e staccasse dal passato diventa più duro.

 

Ma ce sta pure ‘n cuore che batte più forte,

che appena lo chiedi te apre le porte.

 

Perciò lassa perde la malinconia,

lassala perde sta malattia.

Ricorda che quanno er buio è più scuro,

è solo l’inizio del giorno venturo.

 

IMG_6105

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: