Tutto il resto è noia

L’ultimo amico va via. E mentre s’attaccamo a sta città che s’è addormita già da n’ora, ce piagne er core a pensa che ‘n altro poeta c’ha abbandonato.

Sei stato er maestro de na gioventù sbandata, la nostra. Hai vissuto pè esse te stesso, vivendo alla giornata cò quella che dà, sei stato ‘n artista e te bastava la tua libertà…cosa rara de sti tempi. Ed è per questo che t’avemo amato, ed è per questo che in silenzio te stamo a piagnè, si perché nun semo come te che nun piagni pè n’omo che more, noi si, perché noi semo allievi, te sei er Maestro.

Hai sfidato sta vita amara, l’hai sfidata nel buio e nella luna piena, per cerca de combatte sta noia, sta maledetta noia che c’assale…eh si, ora s’accorgemo che oltre a te, tutto il resto è maledetta noia davvero.

Te ne sei andato da solo, seguendo il destino, scappando lontano, sognando le strade che portano al mare, perché c’hai ragione, chi è prigioniero invece more…hai vissuto contro certi venduti e contro falsi poeti, tu che poeta lo sei stato davvero. Sempre controcorrente, hai trattato con i guanti la tua libertà, insegnandone anche a noi l’essenza. T’avemo cantato, urlato, cò te avemo pianto, riso e amato, l’avemo fatto come tu c’hai insegnato e scusece se nun semo stati all’altezza der maestro, ma stà tranquillo che cò te nun avemo mai barato, perché quanno puntavi er core nun lo permettevi, perché l’amore, è un gioco che bisogna sapè fà…nun se può barà!

E proprio per te, che sei stato amato da mille donne ma che hai deciso de sposanne solo una, Roma tua. Roma Nuda. Si, proprio per te, Roma, stasera nuda più che mai,  se scusa, perché stasera l’amico che la può consolà manca a lei e se scusa se perde lacrime pè strada, ma fà na cosa, stasera tocca a te a fà finta che so gocce de rugiada…

Annunci