Lo St(r)age

di Mapperò

Famo un po sta specie de colloquio, famo un po sto discorso alquanto improprio, famo un po’ sta bella lezione, però famola senza professore.

Fai che na volta uno s’è alzato e ha detto “aho, ce l’ho io la soluzione, la svolta che rivoluzionerà lo stato”: visto che stamo ‘n bianco e er governo nun c’aiuta, alla voce retribuzione scrivemoce na battuta.

Na cosa che dia speranza, che ce li faccia illude ancora, na cosa che basito pè capilla perdi n’ora. Poi però a sto giochetto tocca daje puro ‘n nome, lavoro a gratis nun va bene, con stage invece fai ‘n figurone.

E piamose sti scemi che je famo solo sòle, je insegnamo pure a dì “quanto zucchero ci vuole?”, così quando so convinti che ci possano piacere, je aggiungemo nel curriculum ‘n bel calcio nel sedere.

Riaprimo poi le posizioni e a seguì le selezioni, che tanto è pieno de fregnoni. Sognatori con lo spirito avventuriero, che sperano de cambià er monno portandoce in ufficio er giornaliero.

Poi che vonno nun se sa, so na massa de piagnoni, tesi, erasmus e pubblicazioni c’hanno rotto li cojoni. Se sa, noi famo er bene nostro e gli altri er bene loro, mica saranno così matti da vole trovà lavoro.

Ma finchè la speranza aregge e nun casca l’ultima goccia, me chiedo pè quanto tempo ancora potemo piassela ‘n saccoccia. Orsù dunque, nun fate gli ingrati, mostratevi gioiosi e per niente spaventati, che nun sete mica li primi a esse stati fregati.

Immagine

Annunci