Mapperò

NON SI DICE

Tag: lavoro

Pora Italia

Pora Italia, mia amata,
che sei stata data in sposa,
a chi t’ha solo sfruttata,
a chi t’ha sempre chiamata “cosa”.

Pora Italia che hai cenato,
ai tavoli delle grandi panze,
quelli che pe’ contorno hanno ordinato,
dei tuoi figli le speranze.

Che hai trovato pure er coraggio,
de lascia’ er marito violento.
Era’na sera de Maggio,
lui era giovane e se chiamava Cambiamento.

Ma Cambiamento se sapeva che era un po’ un puttaniere,
nun je importava avecce moglie,
piuttosto ‘na sedia pe’ er sedere.

Così t’ha lasciata tutta sola,
co’ chi prima te menava.
T’ha cambiato le lenzuola,
e t’ha detto “fa’ la brava”.

Che qui cambiano le facce,
e cambiano pure l’età.
Ma se so perse ormai le tracce,
de chi voleva davvero cambia’.

DSCN0122

 

Lo St(r)age

Famo un po sta specie de colloquio, famo un po sto discorso alquanto improprio, famo un po’ sta bella lezione, però famola senza professore.

Fai che na volta uno s’è alzato e ha detto “aho, ce l’ho io la soluzione, la svolta che rivoluzionerà lo stato”: visto che stamo ‘n bianco e er governo nun c’aiuta, alla voce retribuzione scrivemoce na battuta.

Na cosa che dia speranza, che ce li faccia illude ancora, na cosa che basito pè capilla perdi n’ora. Poi però a sto giochetto tocca daje puro ‘n nome, lavoro a gratis nun va bene, con stage invece fai ‘n figurone.

E piamose sti scemi che je famo solo sòle, je insegnamo pure a dì “quanto zucchero ci vuole?”, così quando so convinti che ci possano piacere, je aggiungemo nel curriculum ‘n bel calcio nel sedere.

Riaprimo poi le posizioni e a seguì le selezioni, che tanto è pieno de fregnoni. Sognatori con lo spirito avventuriero, che sperano de cambià er monno portandoce in ufficio er giornaliero.

Poi che vonno nun se sa, so na massa de piagnoni, tesi, erasmus e pubblicazioni c’hanno rotto li cojoni. Se sa, noi famo er bene nostro e gli altri er bene loro, mica saranno così matti da vole trovà lavoro.

Ma finchè la speranza aregge e nun casca l’ultima goccia, me chiedo pè quanto tempo ancora potemo piassela ‘n saccoccia. Orsù dunque, nun fate gli ingrati, mostratevi gioiosi e per niente spaventati, che nun sete mica li primi a esse stati fregati.

Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: