Forchette e Forconi

di Mapperò

È successo l’imprevisto, quello che ancora nun s’era visto, è successo che qualcuno s’è fermato e ha ragionato, qualcuno ha detto “adesso basta, questo non è più il mio Stato.”

S’è deciso così ‘n giorno, che era er 9 de Dicembre, de fa qualcosa de importante, de sveglià tutta la gente. S’è pensato pure “oh, è Dicembre e ce sta er sole, nun ce sta mejo giornata pè fa na rivoluzione.”

Er primo giorno che bellezza, mai vista sta fermezza, lo stivale ribolliva e la tensione s’avvertiva, tant’è che anche le guardie se levarono l’armatura e in giro se sentiva “ah rega stavolta dura.”

Poi la cosa continuò e se fece pure seria, tutta Italia presidiata, e il politico che trema. Ma proprio sul più bello, che se crea la confusione, er mandante è sempre lei, la disinformazione. So de destra, so fascisti e c’hanno pure i macchinoni, sono solo dei teppisti, so na massa de ‘mbriaconi.

Ma su questa cantilena che se sa, era aspettata, ecco er popolo se ferma, pronto pè la ritirata. Se risentono i pensieri detti in televisione, se sente pure “ce sta Renzi, damoje n’altra occasione”.

Ecco allora che è finita, la nostra de occasione, ecco allora il belare der popolo pecorone.

Non toccava sta a parlà de quale fosse la ragione, ce bastava er pretesto pe cambià la situazione. Perchè nun se cambiano le cose se ascolti tutti quanti, come nun se fa rivoluzione se pe il freddo tieni i guanti. Ma se sa, che l’italiano nun è tipo combattivo, si, se incazza, e quando vuole sa pure esse creativo, ma quando fiuta la possibilità de fa qualcosa destabilizzante, andà a fa la spesa grande è la cosa più importante. Per carità, è cosa esagerata parlà de rivoluzione, ma c’è onore in chi crede, pur passando da cojone.

E perciò nun v’affannate che tornerà tutto normale, torneremo dentro ai bar a gridà che se sta male, torneranno con i caschi a difendere i padroni, torneremo alla forchetta, rimpiangendo i forconi.

Image

Annunci