Mapperò

NON SI DICE

Tag: italia

Pora Italia

Pora Italia, mia amata,
che sei stata data in sposa,
a chi t’ha solo sfruttata,
a chi t’ha sempre chiamata “cosa”.

Pora Italia che hai cenato,
ai tavoli delle grandi panze,
quelli che pe’ contorno hanno ordinato,
dei tuoi figli le speranze.

Che hai trovato pure er coraggio,
de lascia’ er marito violento.
Era’na sera de Maggio,
lui era giovane e se chiamava Cambiamento.

Ma Cambiamento se sapeva che era un po’ un puttaniere,
nun je importava avecce moglie,
piuttosto ‘na sedia pe’ er sedere.

Così t’ha lasciata tutta sola,
co’ chi prima te menava.
T’ha cambiato le lenzuola,
e t’ha detto “fa’ la brava”.

Che qui cambiano le facce,
e cambiano pure l’età.
Ma se so perse ormai le tracce,
de chi voleva davvero cambia’.

DSCN0122

 

Annunci

Coerenzi

È il nuovo che avanza quello che oggi accadrà, è il nuovo che avanza con la vecchia vanità. È la dimostrazione che le belle parole se le porta via er vento, lasciando a chi le ha ascoltate er solito sgomento.

Se pensava che qualcosa fosse in realtà cambiato, un vento fresco, un qualcosa di insperato. Ma te svegli una mattina e riconosci l’ambizione, che passo dopo passo, ha preso il sopravvento su chi prima parlava de rottamazione.

La solita politica a cui siamo abituati, coi nemici nel governo e gli amici accoltellati. La politica che in 3 anni, c’ha tolto tutto in fretta, pure la possibilità de dì: “la prossima volta cambio scelta”. Tre governi in tre anni senza manco dì: “Scusate, si vabbè ‘n ve frega niente, ma ste persone chi l’ha votate?!” Tre governi in tre anni e c’è ancora chi parla di democrazia, quando neanche la più meschina Prima Repubblica se poteva inventà st’acrobazia.

Perché non ce stanno da fa’ troppe riflessioni e masturbazioni mentali, quando le motivazioni son fin troppo banali: un governo che nessuno ha votato, è come uno che decide la musica de ‘na festa, a cui manco è invitato, per questo non può esse ascoltato.

Ma le leggi, se sa, cambiano in fretta, e non so poi così rigide se c’è il padrone che aspetta.

E mo che i colpi di stato non se fanno più co’ la pistola, avemo scoperto che fa meno rumore, ma più feriti la tagliola. Perciò stamo tutti più sereni e spensierati, perchè mentre il declino nazionale prosegue e non si ferma, se prima pensavamo de nun contà niente, mo c’avemo la conferma.

 

 

Forchette e Forconi

È successo l’imprevisto, quello che ancora nun s’era visto, è successo che qualcuno s’è fermato e ha ragionato, qualcuno ha detto “adesso basta, questo non è più il mio Stato.”

S’è deciso così ‘n giorno, che era er 9 de Dicembre, de fa qualcosa de importante, de sveglià tutta la gente. S’è pensato pure “oh, è Dicembre e ce sta er sole, nun ce sta mejo giornata pè fa na rivoluzione.”

Er primo giorno che bellezza, mai vista sta fermezza, lo stivale ribolliva e la tensione s’avvertiva, tant’è che anche le guardie se levarono l’armatura e in giro se sentiva “ah rega stavolta dura.”

Poi la cosa continuò e se fece pure seria, tutta Italia presidiata, e il politico che trema. Ma proprio sul più bello, che se crea la confusione, er mandante è sempre lei, la disinformazione. So de destra, so fascisti e c’hanno pure i macchinoni, sono solo dei teppisti, so na massa de ‘mbriaconi.

Ma su questa cantilena che se sa, era aspettata, ecco er popolo se ferma, pronto pè la ritirata. Se risentono i pensieri detti in televisione, se sente pure “ce sta Renzi, damoje n’altra occasione”.

Ecco allora che è finita, la nostra de occasione, ecco allora il belare der popolo pecorone.

Non toccava sta a parlà de quale fosse la ragione, ce bastava er pretesto pe cambià la situazione. Perchè nun se cambiano le cose se ascolti tutti quanti, come nun se fa rivoluzione se pe il freddo tieni i guanti. Ma se sa, che l’italiano nun è tipo combattivo, si, se incazza, e quando vuole sa pure esse creativo, ma quando fiuta la possibilità de fa qualcosa destabilizzante, andà a fa la spesa grande è la cosa più importante. Per carità, è cosa esagerata parlà de rivoluzione, ma c’è onore in chi crede, pur passando da cojone.

E perciò nun v’affannate che tornerà tutto normale, torneremo dentro ai bar a gridà che se sta male, torneranno con i caschi a difendere i padroni, torneremo alla forchetta, rimpiangendo i forconi.

Image

Pasta Scotta

Che è successo?! Mo che è tutto sto rumore?! Non me dite che sto casino è pè na dichiarazione.

Si l’ho intesa pure io e non m’è sembrata strana, m’è sembrata assai più folle la reazione nostrana. Se se parla de diritti in Italia tutti zitti, ma se accanto a quella voce c’aggiungi ‘na “minoranza” diventamo tutti quanti Don chisciotte e Sancio panza.

Che il paradosso poi è assai strano e me lo devono spiegare, perché chi vuole libertà poi è il primo a volerla controllare. Sembra come se tutto quanto fosse rovesciato e in nome del progresso ogni valore è calpestato. Ma te immagini davvero ‘na famiglia alla boldrini, ma come cazzo gliela spieghi la cicogna ai regazzini?! Appena provi a dì un pensiero che profuma de tradizione, ecco fatto l’etichetta, diventi er re della discriminazione. Senza offende poi nessuno, vieni offeso e additato “ecco il colpevole supremo, è un razzista patentato”.

Ma una cosa nun m’è chiara e vorrei na spiegazione, ma da quando se può dì tutto e volè pè forza la ragione? Che se fossi stato gay, io me sentirei perduto, ma come chiedemo de esse liberi e se uno è libero je rispondemo co ‘no sputo?! Eh no, amici cari qui le regole nun so chiare, perché se si vuole la libertà, la bisogna rispettare.

Qui nessuno disprezza, qui nessuno vuole male, qui se odia chi per odio di pregiudizi si avvale.

Ma la famiglia quella si, quella si che va difesa, a certe cose tocca mette freno, nun se può chiamà la resa. E perciò nessun giudizio, nessun finto moralismo e nessuna banalità, su na cosa semo d’accordo er parmigiano sulla pasta col tonno, qualunque sia la marca, nun ce và.

Immagine

Il Governo che non c’è

Fermi tutti, che sta a succede?! Qui nun se capisce niente, è passato un mese dalle elezioni e ancora nun se sa, quando piove, con chi se la dovemo pia. Vabbè, dai risultati elettorali si evinceva del paese l’ingovernabilità, ma cazzo, almeno ce volete provà. Signor Bersani chi te l’ha fatto fà?! Facevi er grosso con la storia del giaguaro, hai visto un gatto e te sei cagato in mano. Hai alzato un po’ la testa con Grasso e cò la Boldrini, per carità na cosa l’hai vinta, ma era un po’ come rubà la merenda ai regazzini. Mo che sei er premier incaricato, te prego datte nà mossa, organizza sto mandato, qui non ce stà più tempo. Ma non l’hai visto Berlusconi?! In piazza insieme a duecentomila bambacioni, quelli so duecentomila permessi dati dall’ospizio, ma come fà la gente a crede ancora a quel tizio?! Mo per carità, non voglio prende posizione, ma è dovuta almeno na riflessione. So 20 anni che promette e nun mantiene, per carità fà ride, te la fa pia bene, ma me ricordo che fu cacciato a calci nel sedere e qui le colpe so due: la sinistra italiana se sa è indecente, ma il popolo fiji mia è deficiente.

Un popolo de corta memoria non può fà la storia, un popolo che da la colpa dell’impasse istituzionale, al movimento 5 stelle, ragiona male male. Che per carità nun saranno degli scienziati, ma qualcuno l’ha votati e se la colpa che a loro si addice è quella de non esse un movimento meretrice, che se svende per un par de quatrini ma resta coerente con l’idea votata, a casa la casta l’Italia va ribaltata, beh, er pensiero sale forte e il dubbio se fà strada, me sa che de vede na nazione vera, unita e amata, manco più la speranza c’è restata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: