Pasta Scotta

di Mapperò

Che è successo?! Mo che è tutto sto rumore?! Non me dite che sto casino è pè na dichiarazione.

Si l’ho intesa pure io e non m’è sembrata strana, m’è sembrata assai più folle la reazione nostrana. Se se parla de diritti in Italia tutti zitti, ma se accanto a quella voce c’aggiungi ‘na “minoranza” diventamo tutti quanti Don chisciotte e Sancio panza.

Che il paradosso poi è assai strano e me lo devono spiegare, perché chi vuole libertà poi è il primo a volerla controllare. Sembra come se tutto quanto fosse rovesciato e in nome del progresso ogni valore è calpestato. Ma te immagini davvero ‘na famiglia alla boldrini, ma come cazzo gliela spieghi la cicogna ai regazzini?! Appena provi a dì un pensiero che profuma de tradizione, ecco fatto l’etichetta, diventi er re della discriminazione. Senza offende poi nessuno, vieni offeso e additato “ecco il colpevole supremo, è un razzista patentato”.

Ma una cosa nun m’è chiara e vorrei na spiegazione, ma da quando se può dì tutto e volè pè forza la ragione? Che se fossi stato gay, io me sentirei perduto, ma come chiedemo de esse liberi e se uno è libero je rispondemo co ‘no sputo?! Eh no, amici cari qui le regole nun so chiare, perché se si vuole la libertà, la bisogna rispettare.

Qui nessuno disprezza, qui nessuno vuole male, qui se odia chi per odio di pregiudizi si avvale.

Ma la famiglia quella si, quella si che va difesa, a certe cose tocca mette freno, nun se può chiamà la resa. E perciò nessun giudizio, nessun finto moralismo e nessuna banalità, su na cosa semo d’accordo er parmigiano sulla pasta col tonno, qualunque sia la marca, nun ce và.

Immagine

Annunci