Mapperò

NON SI DICE

Tag: poesia

Il coraggio de crede

Esistono scelte e decisioni,

nun puoi fa’ finta de ignoralle.

Come nun puoi da’ lezioni,

se ‘n sei disposto ad imparalle.

 

Esistono momenti che fanno la differenza,

e che ponno cambia’ la vita.

Devi porta’ pazienza,

perché quasi sempre c’è da fasse ‘na salita.

 

Tanti partono convinti,

e co’ propositi de onore.

Ma so’ tanti quelli vinti,

senza fede dentro al core.

 

Perciò nun perde più coraggio,

anche se la strada è dura.

Che se l’obiettivo appare miraggio,

in realtà è solo paura.

Immagine

Esse se stessi

Esse se stessi è ‘n po’ na questione,

come piasse l’anima e fa’ na rivoluzione.

Esse se stessi è na capocciata al muro,

data apposta così forte pe’ dimostra de esse più duro.

 

È accettà senza paura d’esse sbagliato,

pe’ la bellezza de stupisse nel scoprisse migliorato.

È la saggezza de capi’ che puoi nun piace ar mondo,

con la serenità de chi quadrato nun je importa de diventà tondo.

 

È l’adrenalina sana della confusione,

mentre sfuggi dalla noia che se esalta nella perfezione.

Nun è dì quello che pensi, ma è pensà quello che dici,

è na quercia secolare che mostra fiera le radici.

 

Image

‘A Verità e la Giustizia

Diceva ‘a verità alla giustizia:

Vado in giro pe strada che me sento orgogliosa, 

racconto del vero e dico ogni cosa.

Ma te nun m’ascolti e nun me dai mai ragione,

te pensi che so io a parlà in televisione.

 

Se dico ciò che vedo me dici ragiona,

e cammini a testa bassa col passo da ‘mbriacona.

Eppure na volta eravamo ‘nnamorati,

mo c’hai gli occhi spenti come li tempi annati.

 

Risponde ‘a giustizia:

Tu la fai svelta la questione,

e sta storia dell’amore è diventata n’ossessione.

Alla ggente nun je piaci e nun je sei mai piaciuta

lei te seduce e t’abbandona, proprio come a ‘na cornuta.

 

Io vorrei esse più brava e potette da na mano,

tu me dici sposamose ma poi a fine mese come famo.

Ce lo so ho preso intrallazzi che hanno rovinato sto legame,

ma pure ‘n ideale, può morì de fame.

 

Ricordando Gabriele, Carlo Giuliani, Cucchi, Aldrovandi…

IMG_4825

Mare d’inverno

Il mare d’inverno è un respiro sereno. È ‘no sguardo a se stessi fatto in modo sincero.

È un modo diverso de fa’ er cambio stagione, dove invece de ‘n vestito metti apposto n’emozione.

È sta fori dar monno pe’ qualche minuto. È urla’ a squarciagola restando muto.

È ave’ la certezza de ‘na cosa che aspetta, è un’onda che va e viene ma che nun c’ha mai fretta.

A Nonno.

Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: