Lettera da lontano

di Mapperò

Io te penso da lontano,
da na terra sconosciuta.
E il sole che ispira sto brano,
a ricordatte bella m’aiuta.

Io te penso come la donna della mia vita,
la cosa più bella che me sia capitata,
che mai e poi mai l’avrei tradita,
e mai abbastanza l’avrei amata.

Io te penso passeggiando nei vicoli stranieri,
mentre me invento un accento diverso.
Pur sapendo che quello de ieri,
passato il tempo non l’ho mai perso.

Me vieni in mente se vedo er mare, se vedo er sole e se bevo er vino,
me vieni in mente e me se strigne er core,
manco te immagini quanto te vorrei vicino.

Me manchi tanto, città amata,
me manca fatte la serenata,
me manca condivide con te l’emozione,
de guardatte al tramonto e sentimme coglione.

E quanno che er sole tra le nuvole brilla,
come a dì “fateme vede’”,
me viè da pensa’ che la luce che emana,
è stata creata pe’ illumina’ te.

St. Peter's cathedral at sunset, Rome

Annunci