Mapperò

NON SI DICE

Tag: mappero

Via dell’Umiltà

Ce sta na via a Roma de cui nessuno sa,
se chiama Via Paolo Sesto,
ma pe’ l’amici è via dell’Umiltà.

Sta in disparte silenziosa,
e nun dice mai niente.
E ogni tanto se ‘nnamora de na sposa,
perché je piace quel sorriso vero tra i rimpianti della gente.

Se la incontri è per caso o perché proprio ce devi passa’,
o quando vuoi cerca’ un po’ d’ombra,
che te ripara dal caldo della città.

Nun je frega delle foto,
che i turisti nun je fanno.
Nun ha mai ricevuto complimenti,
e nun s’aspetta manco che arriveranno.

Ma se te capita un giorno de doverla incontra’,
ricorda che puro si è stretta e sola,
è la via che porta a casa de Sua Santità.

Via Paolo Sesto, Roma.

Via Paolo VI, Roma.

La volpe e l’elefante

Prima de parla’ dei fatti altrui,
pensa che ognuno ha avuto tempi bui.
Prima de da’ consigli e raccomandazioni,
assicurate de ave’ imparato tutte le lezioni.

Nun fa’ come la volpe che furba ed arrogante,
sfidò a fa’ na corsa, un giorno un elefante.

Che quello assai più saggio, al pronti via la schiacciò,
dicendo: “cara volpe, so’ più lento, ma quante ne so”.

bambino saggio

Ciò che già hai

Nel frattempo poi ho guardato il volo incerto degli aquiloni,
e mi son chiesto se fossero loro o il vento,
a scegliere le direzioni.

Ho pensato che delle volte il sacrificio è dovuto,
che quando te verrebbe da alza’ la voce,
è pure giusto resta’ muto.

Ho pensato che se le cose vanno pe’ ‘na direzione,
si nun conosci quella strada,
devi solo fa più attenzione.

Ho pensato che poi è inutile preoccupasse del futuro,
se er presente che c’hai accanto,
lo lasci piagne faccia al muro.

Ho pensato che i desideri so’ veramente tanti,
ma le cose che già c’hai,
so’ davvero più importanti.

img_aquilone_1

 

Chi cerca trova

Cerco l’esaltazione della parola data,
della promessa mantenuta,
della fiducia ricambiata.

Cerco con insistenza un po’ de gioia al mondo,
e ‘n pranzo co’ gli amici,
con il mare a fa da sfondo.

Cerco la poesia de ‘no slancio improvviso,
un’impresa riuscita,
che te fa veni er sorriso.

Cerco quelle notti in cui se brinda alla gloria,
e quegli inchiostri indelebili,
de chi scrive la storia.

Cerco con fiducia chi te dice “prova”,
cercandolo rido,
perché chi cerca trova.

 

nascondino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: