Mapperò

NON SI DICE

Tag: futuro

Ciò che già hai

Nel frattempo poi ho guardato il volo incerto degli aquiloni,
e mi son chiesto se fossero loro o il vento,
a scegliere le direzioni.

Ho pensato che delle volte il sacrificio è dovuto,
che quando te verrebbe da alza’ la voce,
è pure giusto resta’ muto.

Ho pensato che se le cose vanno pe’ ‘na direzione,
si nun conosci quella strada,
devi solo fa più attenzione.

Ho pensato che poi è inutile preoccupasse del futuro,
se er presente che c’hai accanto,
lo lasci piagne faccia al muro.

Ho pensato che i desideri so’ veramente tanti,
ma le cose che già c’hai,
so’ davvero più importanti.

img_aquilone_1

 

Pora Italia

Pora Italia, mia amata,
che sei stata data in sposa,
a chi t’ha solo sfruttata,
a chi t’ha sempre chiamata “cosa”.

Pora Italia che hai cenato,
ai tavoli delle grandi panze,
quelli che pe’ contorno hanno ordinato,
dei tuoi figli le speranze.

Che hai trovato pure er coraggio,
de lascia’ er marito violento.
Era’na sera de Maggio,
lui era giovane e se chiamava Cambiamento.

Ma Cambiamento se sapeva che era un po’ un puttaniere,
nun je importava avecce moglie,
piuttosto ‘na sedia pe’ er sedere.

Così t’ha lasciata tutta sola,
co’ chi prima te menava.
T’ha cambiato le lenzuola,
e t’ha detto “fa’ la brava”.

Che qui cambiano le facce,
e cambiano pure l’età.
Ma se so perse ormai le tracce,
de chi voleva davvero cambia’.

DSCN0122

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: